Tecnica

Pneumatici estivi, invernali e 4 stagioni: facciamo chiarezza con Michelin

Ogni anno all’arrivo dell’inverno emerge il dubbio su come comportarsi con gli pneumatici ma non sembra la decisione più sicura e corretta in base alle proprie necessità arriva in modo semplice. Così, poiché non abbiamo una risposta chiara da dare a tutti, ci siamo rivolti al reparto tecnico di Michelin.
Tutte le informazioni che trovate in questo video sono state fornire e condivise da Michelin (che ringraziamo) e che ci metterà a disposizione un suo tecnico in un prossimo video per rispondere alle domande che ci scrivere nei commenti di questo video!

Pneumatici specifici per camper (marcatura CP)

Dal 2004 è stata recepita nel regolamento di OMOLOGAZIONE ECE n°54 l’obbligo, per le nuove omologazioni dei camper, l’adozione di pneumatici specifici, contraddistinti dalla marcatura CP nella descrizione della misura al posto della C normalmente utilizzata nei furgoni.  Quando gli pneumatici con marcatura “CP” sono utilizzati sull’asse posteriore di un camper (equipaggiato in semplice), la pressione di gonfiaggio deve essere 5,5 bar, invece della pressione più consueta, ad esempio 4,75 bar. Per le pressioni di esercizio superiori a 4,5 bar devono essere obbligatoriamente usate valvole in metallo, specifiche per i camper. Non vi è alcun aumento nella capacità massima di carico degli pneumatici e questo carico massimo deve essere rispettato.

Anche dal punto di vista dei regolamenti vigenti in Italia: nel caso di un camper omologato in origine con pneumatici marcati CP, anche in caso di sostituzione al ricambio, è obbligatorio montare degli pneumatici che riportino la marcatura CP. Nel caso di un camper omologato in origine con pneumatici marcati C, in caso di sostituzione al ricambio, è possibile montare pneumatici che riportino la marcatura CP. Ad oggi ci sono solo pneumatici CP estivi con marchiatura M+S

Lo pneumatico ESTIVO è caratterizzato da:

  • Una scultura del battistrada poco intagliata, spesso con alcune scanalature centrali e laterali piuttosto evidenti per drenare l’acqua e con assenza di lamelle.
  • Una mescola studiata per lavorare bene con temperature medie ed alte. 

Lo pneumatico INVERNALE ha due caratteristiche principali:

  • Una scultura specifica del battistrada.
  • Una mescola studiata per lavorare bene alle basse temperature.

Il battistrada è più intagliato di un estivo, ha più scanalature e presenta delle particolari lamelle fatte apposta per aumentare il numero degli spigoli dei tasselli in fase di rotolamento al suolo, generando un effetto cosiddetto “artiglio”. La scultura è studiata anche per catturare la neve e per sfruttare anche, il fenomeno dell’adesione neve-neve, che in alcune condizioni è migliore dell’adesione neve-gomma.

La mescola del battistrada è studiata per restare più morbida alle basse temperature rispetto a quella di uno pneumatico estivo (da qui la dicitura alternativa “termico“) ed aumentare le performance di aderenza e quindi in frenata e in motricità.

Queste tecnologie rendono lo pneumatico invernale migliore rispetto a quello estivo – in condizioni invernali – al punto di poter rinunciare nella maggior parte dei casi alle catene.

Lo pneumatico 4 STAGIONI o ALL SEASON:

Questa particolare categoria di pneumatico è riconoscibile visivamente da queste caratteristiche:

  • Una scultura del battistrada mediamente intagliata.
  • Una mescola del battistrada studiata per lavorare bene in un ampio range di temperatura.

Dal momento che l’obiettivo di questo pneumatico è di adattarsi ad ogni situazione meteo:

La scultura del battistrada ha un tasso di intaglio ed una quantità di lamelle intermedia tra uno pneumatico estivo ed uno invernale. Quindi ha la capacità di drenare l’acqua come uno pneumatico estivo ma ha anche le caratteristiche lamelle fondamentali per essere efficiente su neve e ghiaccio. La mescola è studiata per lavorare bene anche sia alle basse che alle alte temperature, anche se non estreme.

Differenza tra M+S e 3PMSF

M+S (Mud & Snow): marcatura che indica che lo pneumatico è, secondo la regolamentazione europea, uno pneumatico da neve tuttavia le prestazioni invernali non sono state oggetto di alcun test.

3PMSF (3 Peaks Mountain Snow Flake)simbolo alpino – sono i soli che attestano le effettive prestazioni invernali, essendo specificamente progettati per l’uso su neve e avendo superato i requisiti richiesti attraverso un test oggettivo*.

Al momento, a livello legislativo, in Italia, il riconoscimento degli pneumatici invernali è la marcatura M+S. Altri paesi europei, es: Germania e Francia hanno già richiesto anche la marcatura 3PMSF

Come scegliere tra Invernali, estivi e all-seasons?

Il consiglio di MICHELIN è di alternare gli pneumatici estivi a quelli invernali per chi utilizza il camper in condizioni invernali severe frequenti. Infatti, il costo del doppio treno degli pneumatici è giustificato da un uso intenso del camper nel periodo invernale e soprattutto per gli amanti della montagna.

Quando l’utilizzatore incontra condizioni invernali severe occasionali la soluzione che può essere considerata è lo pneumatico 4 stagioni, meno specifico ma in grado di offrire aderenza e sicurezza in ogni condizione e meno onerosa in termini di montaggio/smontaggio e conservazione del treno di pneumatici non utilizzato.

Quali suggerimenti ci sono per un utilizzo corretto degli pneumatici?

Riguardo a questo ci sono molti aspetti che tenere in considerazione pertanto rinnoviamo l’invito a tutti coloro che hanno quesiti di scrivere nel box dei commenti la domanda per la quale si vorrebbe una risposta da parte dei tecnici di Michelin


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.